la cancellazione dei propri peccati

Atti 3:19 Ravvedetevi dunque e convertitevi, affinché i vostri peccati siano cancellati, e perché vengano dei tempi di refrigerio dalla presenza del Signore,

la cancellazione dei propri peccati ci può essere solo attraverso un ravvedimento e un arresa a Cristo, non esiste altro modo per essere salvati e scampare il fuoco eterno della Geenna.

Il ravvedimento o la conversione a Cristo comporta un cambiamento in positivo di condotta, di comportamento quindi se uno dice di essersi convertito a Cristo ma fa le cose che faceva prima allora si tratta di una conversione a chiacchiere.

Il vero ravvedimento, la vera conversione si vede, il Signore Gesù Cristo è nel cuore e per questa ragione le cose di prima sono passate, si iniziano a fare cose buone, opere buone, si incomincia a praticare la giustizia e non più l’iniquità.

Se uno ha fatto una veritiera conversione a Cristo allora Il Signore Iddio concede sempre la via per non cadere nelle tentazioni della carne. (1Corinzi 10:13 Nessuna tentazione vi ha finora colti se non umana; or Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi darà anche la via d’uscita, affinché la possiate sostenere.)

smettetela di illudervi e smettetela anche di giustificare la vostra mala condotta, se uno è convertito a Cristo non può essere un adultero, un fornicatore, un ladro, un malfattore un ubriacone, un avido di denaro, un avaro etc. etc. uno non può dire e neanche pensare di continuare a peccare tanto siamo sotto la grazia Dio perdona sempre, fate bene attenzione alle vostre anime, Il Signore Gesù Cristo chiama al ravvedimento non al perseverare nei peccati.

uno non può dire sono convertito però commetto fornicazione, sono convertito però rubo, sono convertito però mi ubriaco etc. etc.

Si deve essere sinceri con Dio altrimenti si perde il tempo, Iddio non è un uomo che possa essere ingannato, Egli vede il cuore delle persone.

Se si desidera il bene della propria anima allora si giungerà ad un sincero e concreto ravvedimento.

Il Signore Iddio è Onnipotente e Sovrano assoluto, invece il maligno anche se è molto potente può fare solo quello che Iddio gli permette di fare, il diavolo è limitato mentre Iddio è illimitato.

qualcuno vuole beneficiare della misericordia di Dio?

Il Signore Iddio è pieno di compassione e benignità, non si può negare, ma neanche si può negare che Egli è Giusto e che chiunque si schiera dalla parte del diavolo farà una brutta fine, andrà a trascorrere l’eternità nel fuoco eterno della Geenna.

Lo ripeto ancora una volta chi vuole beneficiare della misericordia di Dio, chi vuole essere amato da Dio e scampare il fuoco eterno deve convertirsi a Cristo, al Cristo delle sacre scritture, il Nazareno, il Cristo di Dio, l’unico Salvatore, l’Iddio Vivente e non al cristo della chiesa cattolica o di qualunque altra religione e setta.

Ezechiele 18:27 Se invece l’empio si allontana dall’empietà che commetteva e pratica l’equità e la giustizia, egli salverà la sua anima.

Marco 1:15 e dicendo: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino. Ravvedetevi e credete all’evangelo».

Quando si dice che ci si deve convertire a Cristo si deve cambiare, si deve accogliere Cristo nel proprio cuore, ci si deve pentire davanti a Dio e poi davanti agli uomini, si deve essere sinceri con Dio, si deve desiderare la salvezza o la vita eterna, non deve essere una conversione fasulla o a chiacchiere come stanno facendo alcuni che dicono di essersi convertiti ma stanno ancora sulla via che porta alla perdizione, dicono di essersi convertiti ma continuano a fare le cose che hanno sempre fatto, continuano a vivere nei peccati e nell’ingiustizia.

La Sacra Bibbia deve essere l’interesse principale di una persona convertita a Cristo e poi vengono le altre cose.

Si devono abbandonare i peccati, la pornografia, la fornicazione, la disonestà etc. etc. uno non può dire mi sono convertito però continuo ad essere un fornicatore e vedo pornografia, è ridicolo questa cosa, se uno si converte non deve vivere nei peccati ma deve abbandonarli altrimenti inganna se stesso.

se capita di peccare involontariamente e quindi raramente o difficilmente deve chiedere perdono a Dio ma non che uno deve perseverare nei peccati altrimenti che razza di conversione sarebbe.

Ezechiele 18:30 Perciò giudicherò ciascuno di voi secondo le sue vie, o casa d’Israele», dice il Signore, l’Eterno. «Ravvedetevi e abbandonate tutte le vostre trasgressioni, così l’iniquità non vi sarà più causa di rovina.

Ezechiele 18:31 Gettate lontano da voi tutte le vostre trasgressioni che avete commesso e fatevi un cuor nuovo e uno spirito nuovo. Perché mai vorreste morire, o casa d’Israele?

Si deve praticare la giustizia e non l’ingiustizia se uno non si arrende a Cristo e non pratica la giustizia è un figlio del diavolo dicono le sacre scritture e i figli del diavolo vanno nel fuoco eterno anche se Dio è pieno di amore e compassione.

La misericordia, l’amore, la benignità di Dio si possono beneficiare se uno si converte a Cristo e inizia a praticare la santificazione e la giustizia non esiste altro modo per beneficiare o usufruire dell’amore di Dio.

1Giovanni 3:10 Da questo si riconoscono i figli di Dio e i figli del diavolo: chiunque non pratica la giustizia non è da Dio, e neppure lo è chi non ama il proprio fratello.

Qualcuno vuole beneficiare della misericordia di Dio? allora si converta a Cristo, abbandoni le opere malvagie e inizia a praticare le opere buone.

quando uno si converte a Cristo, deve abbandonare la religione qualunque essa sia, deve accettare Cristo, il Vangelo di Cristo, deve ritenere la Sacra Bibbia unica fonte di verità e deve attingere dalla parola di Dio cioè dalla Sacra Bibbia, deve lasciare perdere le organizzazioni religiose e settarie, deve convertirsi a Cristo e non ad una religione o ad una setta, chi è cattolico, o buddista, o musulmano, o geovista, o altro ancora deve lasciare quella organizzazione umana, deve desiderare Cristo come unico Salvatore della sua anima, deve credere solo nella Sacra Bibbia, deve conoscere le sacre scritture cioè la verità di Dio, la religione o la setta non può cambiare una persona invece Cristo si.

il perdono di Dio impone una condizione

Il Signore Iddio è Misericordioso, è Benigno, è un Dio Meraviglioso ma molte persone compresi i cristiani evangelici non riescono a realizzare che Dio è anche Giusto e ciò vuole dire che per beneficiare per aggiudicare, per usufruire della misericordia di Dio le persone devono ravvedersi dalle opere malvagie e di peccato, devono arrendersi a Cristo e cambiare condotta, devono fare la volontà di Dio e non quella del diavolo.

Il Signore Iddio perdona i peccati, cancella i peccati e salva a condizione che le persone si convertono a Cristo, smettono di perseverare nei peccati e nella malvagità, le persone malvagie o peccatori devono ravvedersi, devono convertirsi, devono cambiare, se non cambiano, se non si arrendono a Cristo, se non si fa la volontà di Dio non ci può essere nessun perdono, nessuna salvezza.

Il Signore Iddio ha creato la Geenna ed è un luogo dove ci andranno a trascorrere l’eternità il diavolo, i demoni e i figli del diavolo, questa è verità.

Gli ipocriti dicono che Dio perdona sempre, perdona sempre, perdona sempre……non è vero che perdona sempre, invece è vero che Dio difficilmente non perdona più ma non è vero che perdona sempre, le persone se perseverano nei peccati vanno in perdizione, se uno pensa che può peccare tanto Dio perdona sempre allora non ha capito il messaggio di Cristo, il messaggio di Cristo è questo ravvedetevi dalle vostre vie malvagie e credete nel Vangelo.

Marco 1:15 e dicendo: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino. Ravvedetevi e credete all’evangelo».

Dice ravvedetevi cioè uno deve correggersi, deve migliorare, deve lasciare il peccato, deve pentirsi, deve cambiare condotta e avere buoni propositi davanti a Dio.

Ezechiele 18:27 Se invece l’empio si allontana dall’empietà che commetteva e pratica l’equità e la giustizia, egli salverà la sua anima.

L’empio o il peccatore deve allontanarsi dal peccato, deve ravvedersi, deve convertirsi, solo in questo modo salverà la sua anima.

Il perdono di Dio impone una condizione che il peccatore abbandoni i peccati e si converti a Cristo, se il peccatore non si converte e quindi non abbandona i peccati non salverà la sua anima andrà in perdizione.

Il Signore Iddio cancella tutti i peccati a condizione che il peccatore si ravvede e accetta Cristo e si propone di vivere una vita da cristiano e non più da peccatore.

accetta Cristo prima che sia troppo tardi

Ecclesiaste 9:3 Questo è un male in tutto ciò che si fa sotto il sole: hanno tutti la stessa sorte, e inoltre il cuore dei figli degli uomini è pieno di malvagità e la follia risiede nel loro cuore mentre vivono; poi se ne vanno ai morti.

Soltanto con una conversione concreta e non chiacchierina le persone possono diventare un pochettino buoni (dico pochettino buoni perché nessuno può diventare buono e giusto come lo è Dio), soltanto attraverso un sincero pentimento le persone possono cambiare in positivo, avere un cuore sensibile e non più un cuore di pietra.

Adamo ha infettato l’intera umanità, ha inguaiato completamente la razza umana, ha fatto entrare la morte e il peccato nel genere umano l’unica soluzione è Cristo, il Cristo delle sacre scritture, il Vivente, Colui che ha potere sulla morte e sull’Ades, accettando Lui si viene riscattati dalla morte eterna, dalla condanna e dal peccato e riconciliati a Dio Padre, solo Cristo il Salvatore, il Redentore è in grado di cambiare e giustificare l’uomo davanti a Dio.

alcuni dicono che non è mai troppo tardi per convertirsi a Cristo, per essere salvati, questa è una bugia, tante persone muoiono senza essersi convertiti a Lui questa è verità.

Romani 5:18 Per cui, come per una sola trasgressione (peccato di Adamo) la condanna si è estesa a tutti gli uomini, così pure con un solo atto di giustizia (sacrificio di Cristo) la grazia si è estesa a tutti gli uomini in giustificazione di vita.

Romani 5:21 affinché come il peccato ha regnato nella morte, così anche la grazia regni per la giustizia a vita eterna per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore.

Romani 6:23 Infatti il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore.