autority out

Nuova Diodati

Rimprovero ai giudici iniqui

Salmo 82:1 [Salmo di Asaf.] DIO sta nell’assemblea di Dio; egli giudica in mezzo agli dèi. 2 Fino a quando giudicherete ingiustamente e prenderete le parti degli empi? (Sela) 3 Difendete il debole e l’orfano, fate giustizia all’afflitto e al povero. 4 Liberate il misero e il bisognoso; salvatelo dalla mano degli empi. 5 Essi non conoscono nulla e non intendono nulla, e camminano nelle tenebre; tutti i fondamenti della terra sono smossi. 6 Io ho detto: «Voi siete dèi, siete tutti figli dell’Altissimo. 7 Tuttavia voi morrete come gli altri uomini, e cadrete come ogni altro potente». 8 Levati, o DIO, giudica la terra, perché tu avrai in eredità tutte le nazioni.

I giudici o i magistrati o i procuratori disonesti senza alcun timore di Dio ci sono sempre stati e ci saranno sempre fino alla fine di questo mondo; uomini e donne delle autorità che trasformano la giustizia in ingiustizia, rafforzano la mano dei malfattori e degli empi, opprimono i poveri e lasciano liberi i colpevoli, aiutano gli psichiatri a fare del male ai poveri che non possono difendersi dal loro potere, danno i permessi premio di libertà e sconti di pena agli assassini, commettono ogni sorta di ingiustizia verso i poveri e vanno a favore dei ricchi e dei potenti.

Non c’è da sorprendersi di questo grande male poiché molti di loro sono affiliati alla massoneria, alla politica, alla mafia, al cattolicesimo, al satanismo etc. etc. per questa ragione pervertono la giustizia.

Michea 7:3-4 Entrambe le loro mani sono protese a fare il male con bravura; il principe pretende, il giudice cerca ricompense, il grande manifesta la sua cupidigia; così pervertono insieme la giustizia. Il migliore di loro è come un roveto, il più retto è peggiore di una siepe di spine. Il giorno della tua punizione viene; ora sarà la loro confusione.

Essi sono autorevoli, molto potenti tuttavia moriranno come muoiono il resto degli umani e renderanno conto al Signore l’Eterno il Giusto Giudice che non usa alcuna parzialità con nessuno.

Nel Tribunale di Cristo la Legge che è quella dell’Eterno è veramente uguale per tutti.

2Corinzi 5:10 Noi tutti infatti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo, affinché ciascuno riceva la retribuzione delle cose fatte nel corpo in base a ciò che ha fatto, sia in bene che in male.